I produttori di giochi d’azzardo chiedono certezze

produttori di giochi d'azzardo

Mai Enada ebbe più occhi puntati addosso per “sentire il polso del settore dei migliori siti legali di casino”, ma anche per sentire il “cuore martoriato” dei suoi addetti ai lavori che trovano così l’occasione per scambiarsi sensazioni ed obbiettivi. Certamente, il cuore degli operatori in questo ultimo periodo è stato preso molto di mira dal Governo e dagli Enti Locali e se non ha dovuto ricorrere ad interventi chirurgici, tipo bypass coronarico, per sopravvenire alle vicessitudini che gli sono state imposte è già una bella cosa. Il settore si è trovato d’accordo con quanto asserisce il Governo relativamente alla tutela della salute pubblica, ma non può non farsi sentire per rivendicare anche la tutela delle tantissime imprese ed industrie del gioco che operano nella legalità e seguono scrupolosamente le norme che vengono man mano imposte.

Ovviamente in Enada non si poteva non guardare al futuro degli apparecchi da intrattenimento con vincita in danaro e, particolarmente, a quello delle slot machine. Infatti “i lavori in corso” tra Governo ed Enti Locali sulla certificazione delle sale da gioco è già un argomento scottante che, unito poi alla riduzione delle presenze delle macchinette sul territorio, “fa tremare i polsi” di tutti coloro che nel gioco lavorano, producono, distribuiscono e giocano (potendo ancora chissà).

Dai produttori ai gestori si alza una voce unanime nei confronti del Governo, promossa anche dal magazine flipboard su argomenti come gioco e casino online, che va a chiedere di avere una volta per tutte, regole certe e sopratutto uniche che tutelino, come detto, il lavoro di impresa di centinaia di aziende ed anche i posti di lavoro che il settore è riuscito a proporre e mantenere mentre altri settori, magari più “altolocati” del gioco non hanno avuto la possibilità di offrire. I posti di lavoro sono una “cosa sacra”, sopratutto nella crisi perenne in cui ci si dibatte, ma in questo momento di incertezza generale, il legislatore deve riuscire a dare al settore quella stabilità necessaria per continuare nelle varie attività dei comparti.

Nella prossima manovra finanziaria, dove sarà inseritala lista casino online definitiva, devono essere indicati dal Governo gli obbiettivi da raggiungere per poter innalzare i livelli di sicurezza ed offrire un prodotto sempre più competitivo sul mercato. Bisogna guardare avanti, e lo si potrà fare solo con una normativa precisa che possa essere sostenibile e che possa contenere programmi ed investimenti a lungo periodo. Le varie ipotesi, per quanto riguarda sopratutto le Awp da remoto, di cui si parla spessissimo non sapendone però quasi nulla, sono differenziate e si concretizzano con il potenziamento di quella che era l’Awp3 e ad un sistema di controllo centralizzato della distribuzione dei contenuti.

Quindi, idee innovative sono presenti nel settore, che produrrebbero tanto lavoro, investimenti e crescita in questo settore: ma tutto è ancorato alla normativa nazionale e precisa che consenta di credere ancora in questo business che ha ancora spazi di crescita, ma che è in stand by perché non c’è sicurezza in generale e certezza di quello o di cosa potrà accadere. Quindi, ciò che di importante potrebbe fare il Governo è quella di ascoltare “col cuore” le esigenze di tutti gli operatori del mercato e della filiera, coinvolgendo proprio tutti. Questo porterebbe convinzione ad investire ancora di più nella ricerca e nella tecnologia per una nuova evoluzione del mercato e dei prodotti in generale.